lunedì 30 luglio 2018

Misteriose sfere di pietra scoperte nell'Artico

Sull'isola disabitata di Champ sopra il Circolo Polare Artico, nell'arcipelago di Franz Josef, gli scienziati hanno scoperto misteriose sfere di pietra. Gli esperti sono convinti che gli oggetti sferici sono frutto delle mani umane visto che la natura non è in grado di creare forme arrotondate così perfette.
Altri misteriosi oggetti sferici sono stati scoperti in tutta l'isola disabitata di Champ. A prima vista, solo le persone avrebbero potuto creare tali sfere perfettamente levigate anche se sul terreno non è emersa una sola prova che potesse provare l'esistenza dell'uomo.
Un particolare importante è che l'isola è completamente priva di vegetazione. Secondo Konstantin Zaykov dell'Università Federale Artica, le pietre si sarebbero formate dalla cristallizzazione della pietra arenaria seguita dalla magnetizzazione dei granelli di sabbia sui cristalli così creati.
Ciò nonostante, un esperto geologo, l'austriaco Sepp Friedhuber non è affatto d'accordo con questa teoria secondo la quale gli oggetti scoperti si sarebbero formati sott'acqua, e il nucleo del contenuto organico avrebbe influenzato la formazione di una roccia sferica. 
Esistono anche versioni alternative secondo le quali i contorni del minerale potrebbero essere stati creati solo da una civiltà estremamente avanzata molto prima che il genere umano facesse la sua comparsa sulla Terra. 
Questa teoria allude forse a una civiltà extraterrestre scomparsa milioni di anni fa?

1 commento:

Pietro ha detto...

Sono le misure poste a sicurezza dell'Artico: Tutte "sfere".

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

netparade

Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.