martedì 18 settembre 2018

Perché gli UFO sono particolarmente interessati al nostro Sole?

Si tratta di una questione che sembra sfuggire all'immaginazione umana. Se veramente qualcuno stesse armeggiando con dell'energia plasmatica e tecnologie di ultima generazione chi altro potrebbe essere se non i rappresentanti di una civiltà estremamente avanzata? In più di un'occasione l'osservazione solare ha permesso di rivelare qualcosa di scioccante immergersi all'interno della nostra vitale stella. 
Tali avvistamenti sono stati spesso seguiti da esclusivi eventi solari le cui conseguenze fanno intendere agli astrofili che qualche intelligenza extraterrestre si starebbe interessando in modo particolare al nostro Sole. 
Se così fosse, cosa significherebbe per il nostro pianeta? 
Basta ricordare il 21 dicembre 2011 quando alcuni scienziati registrarono un'insolita espulsione di radiazioni solari. 
Nelle immagini disponibili su YouTube molti utenti hanno scoperto qualcosa di sorprendente. Si tratta di uno strano oggetto angolare che galleggia nello spazio e precisamente vicino al pianeta Mercurio. 
Bisogna tenere presente che in quel tratto di cielo non si aggirano mezzi spaziali a noi conosciuti e questo fa dell'oggetto di mercurio un ufo in piena regola. Questo non è il tipo di attenzione che alla NASA farebbe piacere visto che la sua politica è quella dell'insabbiamento informativo. 
La NASA afferma che l'oggetto misterioso può essere spiegato scientificamente nonostante continuasse ad oscurare le immagini catturate dal satellite Stereo. In un comunicato, la NASA spiega che il satellite Stereo avrebbe subito un grave malfunzionamento per poi riattivarsi in modalità di emergenza solo per acquisire una serie di dati solari. Perché la NASA continua a boicottare le immagini catturate digitalmente dalle sonde spaziali inviate nel corso di quest'ultimi decenni? Nel mese di aprile 2012, in alcune immagini registrate da una delle sonde spaziali fu individuato uno strano oggetto aggirarsi nelle immediate del Sole. Quella strana presenza era molto diversa da qualsiasi cosa conosciuta agli astronomi per cui la notizia della scoperta non tardo' a suscitare grande scalpore tra gli internati appassionati di questioni ufologiche. 
E questo non solo per le sue dimensioni visto che l'oggetto si trova a soli 644000 km dalla superficie del sole ove nessun metallo conosciuto potrebbe sopportare quell'intenso calore. 
Alla distanza di 2 milioni di chilometri si trova la sonda solare e precisamente Elios 2. L'oggetto in questione è davvero una stazione spaziale aliena munita di una tecnologia così avanzata da sfuggire alla nostra comprensione? 
Ma perché gli alieni si dovessero interessare al nostro Sole?
Basta ricordare il grande blackout del 1965 quando centinaia di persone nel nord est dell'America videro sfrecciare nel cielo un oggetto luminoso descritto da alcuni come una palla di fuoco a forma di cupola. 
Quello stesso giorno, un piccolo aeroplano in volo fu inseguito e superato da un misterioso oggetto a velocità incredibile. 
Questo incidente non è niente rispetto a ciò che sarebbe accaduto poco dopo quando alle ore 17:00 un terribile blackout si abbatte' sul nord est degli Stati Uniti e nel Canada meridionale lasciando 30 milioni di persone senza elettricità per più di 13 ore. Segretamente fu attivato il centro operativo di emergenza Top Secret della Virginia, una struttura sotterranea progettata per ospitare il presidente degli Stati Uniti in caso di attacco nucleare. 
La causa del blackout fu attribuita a un errore umano da parte di un operaio dell'impianto energetico. Per quanto riguarda gli avvistamenti ufo vicino al sole potrebbe esistere una spiegazione molto diversa da quella extraterrestre. 
L'elio 3 presente sulla superficie solare potrebbe presto diventare la causa del prossimo grande conflitto mondiale questo perché esso rappresenta una potente fonte energetica indispensabile per alimentare i futuristici veicoli spaziali. 
In linea teorica, alcuni esperti ritengono che gli extraterrestri siano i veri responsabili dei frequenti guasti alle nostre linee elettriche. 
Nel 2011, una sorprendente serie di immagini di enormi oggetti non identificati grandi quanto la Terra sono stati visti avvicinarsi pericolosamente al sole per poi tuffarsi letteralmente al di sotto della sua superficie e ricomparire nello spazio profondo. Tali oggetti avrebbero dovuto essere attratti dalla forza gravitazionale e distruggersi. Invece sembrano agilmente farsi gioco di una delle più potenti forze dell'universo. Le foto di tali oggetti volanti hanno creato fermento nella comunità degli ufologi che hanno voluto chiedere spiegazioni alla NASA. 
Dopo innumerevoli richieste, gli esperti hanno affermato che gli avvistamenti sono dovuti a un guasto del registratore centrale che immagazzina i dati di tutte le missioni. Ciò non spiega perché la NASA ha rimosso da internet qualsiasi traccia ufficiale delle foto e questo senza fornire alcuna spiegazione alimentando in questo modo ogni tipo di speculazione.

Nessun commento:

Posta un commento

Scegli l’altruismo, perché l’egoismo è un solitario, freddo, buco nero

netparade

Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.