Pagine

giovedì 12 settembre 2019

Bob Lazar e la sua verità sugli UFO e alieni

Nel mese di novembre del 1989, il ricercatore Bob LAZAR fece il suo primo test poligrafico per dimostrare la sua onestà sul fatto che aveva retroingegnerizzato per conto dell'esercito degli Stati Uniti di stanza in una base segreta chiamata S-4 (vicino alla famigerata Area 51) dei veicoli spaziali provenienti da un altro mondo. GEORGE KNAPP (giornalista investigativo vincitore del Peabody Award) ha voluto rompere il velo di segretezza nel tentativo di garantire la sicurezza di Bob Lazar. Con la recente testimonianza di LAZAR, il sottostante cortometraggio offre uno scorcio sulle persone coinvolte in questa incredibile saga in cui il ricercatore riferisce di essere stato strettamente controllato per oltre 25 anni. 
La sua storia non è stata mai modificata, alterata o resa più elaborata e ciò lascia intendere che LAZAR potrebbe aver detto la verità su quello che è considerato il caso UFO più famigerato di tutti i tempi. 
Le implicazioni derivate dalle sue esperienze stanno appena iniziando a essere realizzate in modo fattivo. 
Esse si concentrano sugli archivi storici del Disclosure Project e su come la segretezza degli UFO sia stata applicata senza alcun scrupolo. 
La migliore prova del contatto extraterrestre, risalente a decenni fa, è presentata attraverso una serie di dirette testimonianze classificate top-secret, documenti e filmati, l'80% dei quali non è mai stato rivelato dai briefing rilasciati dal direttore della CIA, generali, ammiragli del Pentagono, e dal presidente Obama tramite il consigliere senior John Podesta, presidente della campagna di Hillary Clinton. Il video conduce lo spettatore dietro il velo della segretezza che si cela nei corridoi del potere statunitense dove i segreti UFO sono destinati a risiedere ancora .

Nessun commento:

Posta un commento